Come si crea la carcinosi peritoneale?

La carcinosi peritoneale rappresenta uno stadio evolutivo avanzato di vari tumori che si sviluppano nei vari organi viscerali come l'intestino, le ovaie, l' appendice vermiforme, lo stomaco, il pancreas e il fegato. Inoltre, esistono dei tumori - fortunatamente meno frequenti - che si sviluppano direttamente sul peritoneo (Mesotelioma, Pseudomixoma).

Il mesotelioma peritoneale: Si tratta di un tumore raro, con una frequenza di 2/1.000.000/anno e rappresenta quasi il 10-20% su 2.000 nuovi casi di mesotelioma registrati annualmente negli Stati Uniti. La sua frequenza è continuamente in aumento ed è collegata strettamente all'esposizione all'amianto.

Tutti gli organi addominali e pelvici possono essere affetti da un tumore, con un tasso più alto per il retto, lo stomaco e le ovaie.

Lo pseudomixoma peritoneale: Tumore primario che solitamente si localizza all' appendice vermiforme con una sopravvivenza diretta da 6 fino a 10 anni con il trattamento classico. La caratteristica principale è che l'addome si riempie con quantità esorbitanti di un liquido colloidale - muco. La terapia di scelta che può portare a una sopravvivenza fino a 20 anni fino alla cura definitiva è la chirurgia citoriduttiva e l'applicazione della CIIP.

Carcinoma del colon-retto: Si tratta della seconda manifestazione tumorale maligna nella popolazione mondiale con una frequenza di 47,7/100.000 negli uomini e di 36,2/100.000 nelle donne. Il carcinoma del colon-retto aumenta di frequenza negli ultimi anni, a causa di un' alimentazione cattiva.

Cancro dello stomaco: Ha un collegamento stretto eziologico con le abitudini alimentari e sembra che il pericolo di manifestazione aumenta alle persone che consumano grandi quantità di alimenti in scatola e piccole di frutta e verdura.

Cancro ovarico: La causa principale di rischio è la trasmissione genetica con una frequenza di 5-10% della popolazione. Le donne con un parente di primo grado (madre, sorella, figlia) affetto da cancro ovarico sono ad alto rischio di sviluppare in qualche punto la stessa malattia.

Durante l'evoluzione della malattia, le cellule tumorali arrivano a disseminarsi sulla membrana peritoneale che copre tutti gli organi addominali e pelvici (peritoneo viscerale). Non appena questa "barriera" sia superata, le cellule tumorali hanno la possibilità di proseguire nella cavità addominale, con l'aiuto del liquido peritoneale.

Nel caso di mesotelioma, il peritoneo viene attaccato direttamente, le cellule tumorali scindono la membrana peritoneale e si diffondono nel liquido peritoneale. Le cellule tumorali che si troveranno nel liquido peritoneale, possono sopravvivere oppure morire in base alle sostanze nutritive che sono contenute in esso. Queste cellule tendono ad accumularsi nei punti in cui il liquido peritoneale si ricicla tramite il riassorbimento, creando dei raggruppamenti che crescono di dimensioni, fertilizzando così tutta la cavità addominale e incominciando il meccanismo di carcinosi.